Festivaletterature

I festival letterari italiani

Archivio per il tag “Garfagnana”

Flavia Piccinni e Paolo Miggiano ospiti al festival bioletterario Leggere Gustando 2018

Flavia Piccinni, autrice di “Bellissime” il libro inchiesta dove bambine e genitori sognano “la meta finale, il posto dove vanno tutti e dove tutti sognano di essere protagonisti”. Un libro che mostra il drammatico percorso compiuto verso la realizzazione di quello stereotipo di genere che è l’anticamera dello sfruttamento della donna-oggetto. Bambine in sfilate, ma anche bambine ballerine, bambine truccate, vestite come giovani ragazze e naturalmente “bellissime”.

Paolo Miggiano autore di “La guerra di Dario”, un libro che ricostruisce le storie di bambini e innocenti morti ammazzati a Napoli. L’unica colpa è essersi trovati sulla traiettoria sbagliata. Sono decine i morti “per sbaglio” a Napoli caduti sotto il fuoco dei killer o delle “paranze” che stanno diventando il nuovo problema di una città sempre più avvolta nel problema delle baby gang.

Ecco i superospiti del Leggere Gustando 2018 Festival bioletterario IX edizione che si terrà dal 30 giugno al 1 luglio – Castiglione di Garfagnana (Lucca). Leggere gustando è un festival bioletterario che unisce il piace della lettura al piacere del gusto.

Il festival è nato nel 2010 e si svolge in Garfagnana e ha avuto tra i tanti ospiti Beppino Englaro, Bruno Gambarotta, Pino Scaccia, Francesco Recami, Gigi Moncalvo, Barbara Garlaschelli, Normanna Albertini e molti altri. Organizzato Prospektiva, Castiglione News e ProLoco si anima in sinergia tra le case editrice Tralerighe libri e Garfagnana editrice, e le realtà di tutela e promozione dei prodotti tipici Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio, Coldiretti e Campagna Amica Agrichef.

Partner è l’Amministrazione comunale di Castiglione.

Roberto Giacobbo, Beppino Englaro ed Emilio Gentile tra gli ospiti del Terracina Book Festival 2017

Roberto Giacobbo, Beppino Englaro ed Emilio Gentile tra gli ospiti del Terracina Book Festival 2017

Giunto alla sua ottava edizione il Terracina Book festival, organizzato da Innuendo editore, Tra le righe libri editore e Prospektiva, patrocinato dal Comune di Terracina, Città che Legge 2017, si apre nel centro storico venerdì 8 settembre alle ore 18 per poi proseguire fino a domenica 10. Tanti gli ospiti e i temi affrontati. Con Beppino Englaro sul palco Andrea Giannasi e Massimo Lerose dialogheranno sul fine vita e sui diritti civili ricordando Eluana Englaro. Con il famoso conduttore televisivo Roberto Giacobbo – autore della trasmissione Voyager in onda sulla Rai – invece il tema sarà quello del mistero raccontato attraverso il viaggio. Con lo storico Emilio Gentile, docente alla Sapienza di Roma in storia contemporanea, intervistato dal giornalista Cesare Rinaldi, invece l’argomento sarà il fascismo e il consenso, seguendo la lezione di Renzo De Felice. Domenica il TBF presenterà come ogni anno Poeti a duello la sfida a colpi di versi ideata da La Masnada in Calabria e portata in tour in Italia dal poeta Gianluca Pitari.

Questa edizione offrirà delle anteprime “Terracina LittleTown” a partire dalle 18,30 dedicate ai bambini.

Il Terracina Book Festival, che fa parte degli eventi delle Città del libro, è ideato da Massimo Lerose e Andrea Giannasi, che si svolge in Piazza Santa Domitilla nel centro storico di Terracina. Tra l’Appia antica, la Cattedrale, i resti delle antiche vestigia dell’impero romano si tiene il festival con contaminazioni letterarie, poetiche, cinematografiche e tanti scrittori.

Ogni giorno verrà aperto uno spazio bibliolibreria.

In dettaglio il programma del TBF 2017 prevede:

– Venerdì 8 settembreLittleTown Terracina, alle ore 18,30 con la lettura della favola “Mozart e lo Gnomo Saggio” di Simonetta Biserni.

Alle ore 19 Terracina poetica con Armando Citarelli e Andrea Sibilio.

Alle ore 20 la storica voce della Rai, Alberto Lori, presenta il suo ultimo libro “L’ombra della sera”.

Alle ore 21 sul palco Beppino Englaro.

– Sabato 9 settembre: alle ore 19 Terracina Narrante con Fabio Cervelloni autore di “Io sono l’Agenda” e Giuseppe Recchia autore di “Maledetti dalle fiamme”.

Alle ore 20 Incontro con lo storico Emilio Gentile.

Alle ore 21 sul palco Roberto Giacobbo.

– Domenica 10 settembre: alle ore 18,30 Lettura della favola “Il drago di Carta” di Simone Pozzati, illustrazioni di Valeria Cerilli e animazione attraverso il #teatrinoDelleMarionette di Alessandra Gradassi.

Alle ore 19 l’argomento sarà quello dell’universo femminile con Carmer Gasperotto e Marielena Porzio autrici di “Éco – S. Femminile plurale” e Merilia Ciconte autrice di “Dopo il buio. Storia di un amore malato”.

Alle 20 Mario Di Mario presenta “Terracina. Cronache di vita amministrativa vissuta. 1960-1990”.

Alle 21 Poeti a duello al termine del quale si terranno le premiazioni di “Si scrive Terracina”.

Il TBF fa parte della rete dei festival letterari. Dieci eventi in quattro regioni italiane tra Toscana, Puglia, Calabria e Lazio (www.prospektiva.it).

L’ottava edizione del Leggere gustando festival bioletterario

leggere-gustando-2017.jpg

Leggere Gustando 2017 – 23/24/25 giugno
Festival Bioletterario

Il Leggere gustando è un festival bioletterario nato nel 2010 in Garfagnana. Gli ospiti dell’ottava edizione sono Barbara Garlaschelli, Normanna Albertini, Daniela Simi, Vincenzo Pardini, Caterina Frustagli, Alberto Chicayban, Piergiorgio Leaci, Tommaso Teora, Moreno Maffucci, Roberto Andreuccetti, Pietropaolo Pighini, Foscolo Nicolini, Andrea Campoli. Il festival si svolge a Castiglione di Garfagnana ed è curato da ProLoco di Castiglione di Garfagnana, Castiglione News, in sinergia con Tra le righe libri, Prospektiva, Garfagnana editrice, la collaborazione di Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio e il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Castiglione.

Leggere gustando è un evento ideato da Andrea Giannasi ed è l’unico festival bioletterario italiano che unisce il piace della lettura al piacere del gusto.

 

Venerdì 23 giugno

Biografie femminili tra spaesamento ed emancipazione

Ore 21 – Incontro letterario e divagazioni intorno al mondo della narrazione sul palco in piazza Vittorio Emanuele II.

Con Barbara Garlaschelli autrice di “Non volevo morire vergine” (Piemme), Normanna Albertini autrice di “Se le donne abbassassero le braccia il cielo cadrebbe” (Tra le righe libri), e Daniela Simi che con Liliana Di Ponte ha scritto “Il mio paese adesso sono due. Storie di badanti” (ETS).

Partecipano all’incontro Associazioni femminili e le commissioni pari opportunità della valle del Serchio. Modera Andrea Giannasi.

Durante la serata alcune studentesse suoneranno intermezzi musicali.

 

Sabato 24 giugno

Ore 15 – Sassorosso. Soltanto chi sa raccontare storie non muore mai. A lezione da Vincenzo Pardini.

Visita al piccolo e suggestivo paese della Garfagnana nominato per la prima volta nella Bolla del 1168 “Ecclesia S. Michaelis de Saxo rubeo”. Durante l’evento si terrà un maratona letteraria con passaggio del testimone leggendo parti del libro “Grande secolo d’oro e di dolore” di Vincenzo Pardini (Il Saggiatore).

Dalle ore 17 a Castiglione di Garfagnana workshop intorno alla lettura* in collaborazione con Premio letterario internazionale Nabokov.

In programma incontri dal titolo:

Quest’atomo opaco del Male. Riflessioni sul Male: definizioni, influenze, fascinazioni

a cura di Caterina Frustagli.

Da Borges a Piazzolla. L’immagine del tango in una lettura analitica

a cura di Alberto Chicayban.

Il mondo del libro. Tutto quello che avreste dovuto sapere ma nessuno ve lo ha mai raccontato 

a cura di Andrea Giannasi.

Agenti letterari, chi sono e cosa non fanno

a cura di Piergiorgio Leaci.

Ore 20 – Cena conviviale a cura di Castiglione news e ProLoco Castiglione con prodotti tipici della Garfagnana.**

Anteprima – Alle 20,45 salirà sul palco il poeta Foscolo Nicolini.

Ore 21 – Piazzolla torna a casa: Alberto Chicayban suonerà e racconterà le storie del tango. I nonni del musicista argentino – Luigi Manetti e Clelia Bertolami – emigrarono da Massa Sassorosso nel 1888. La mamma di Astor Piazzolla, Assunta Manetti sposò il pescatore originario di Trani, Pantaleone, dando alla vita l’11 marzo del 1921 a Buenos Aires il grande musicista.

Ore 21,45 – Incipit letterario: gioco con giuria popolare (estratta a sorte dal pubblico) tra aspiranti scrittori. In due minuti gli aspiranti autori dovranno presentare un’idea e un incipit di un libro; la giuria voterà accettando o bocciando la presentazione; al turno successivo gli aspiranti autori hanno altri due minuti per presentare meglio personaggi e storia. Vanno in finale i migliori tre autori che si giocheranno libri in regalo donati dal Premio letterario internazionale Nabokov.

 

Domenica 25 giugno

Storie di uomini, donne, battaglie e guerre

Anteprima – Alle 17,30 presentazione di “Saltus Marcius” di Pietropaolo Pighini. Il libro ricostruisce la battaglia combattuta nel 186 a.C. tra Liguri Apuani e Romani e molto probabilmente accaduto in Garfagnana sotto Castiglione di Garfagnana.

Alle ore 18 sul palco in piazza Vittorio Emanuele II saliranno gli anziani che ricordano i sette mesi di Linea Gotica. Presentando il libro di Tommaso Teora “Storie di guerra vissuta” (Tra le righe libri), dialogo con Moreno Maffucci, Roberto Andreuccetti. Modera Andrea Giannasi.

 

Chiude la serata una fola di Andrea Campoli il “tatone” ormai da anni riconosciuto come l’ultimo cantore delle storie di un tempo della Garfagnana.

Al termine degustazione di prodotti tipici a cura della condotta Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio.

 

 

 

GLI ASTERISCHI

* Per iscriversi ai workshop scrivere a tralerighelibri@gmail.com Gli iscritti riceveranno – oltre alla merenda – una cartellina personalizzata, bloc-notes e penna e i primi 20 iscritti lo speciale Passaporto dei lettori di Tempo di libri. Costo di iscrizione obbligatorio 10 euro a persona.

** Per info, costi e prenotazioni della cena rivolgersi a Valentina Folegnani.

 

 

OSPITALITÀ

STRUTTURE RICETTIVE CASTIGLIONE DI GARFAGNANA E DINTORNI

 

Agriturismo “Valli”

Loc. Valli – Castiglione di Garfagnana

Antico edificio in pietra ristrutturato, si trova a circa 200 m. dal centro storico circondato dalla

campagna. Disponibili appartamenti indipendenti con più camere ciascuno. Giardino e piscina.

328 9244939

agriturismo.valli@tin.it

http://www.agriturismovalli.it

 

B&B “Il Riolo”

di Sabatini Carmen

Via Riolo – Castiglione di Garfagnana

Tel. 0583/68064

Si trova vicino al centro storico a circa 100 m.

Dispone di una camera da 2/3 posti nell’abitazione della famiglia (bagno privato – mansarda)

 

B&B “A vejo da nonna Rita”

Loc. Pianacce – Castiglione di Garfagnana

Tel. 0583/68174

A circa 600 m dal centro storico

Dispone di tre camere nell’abitazione della famiglia (bagni in comune)

http://digilander.libero.it/nonna_rita

 

B&B “Le Pianacce”

Di Daniela Suffredini

3384571333 – 0583 68403

Loc. Pianacce – Castiglione di Garfagnana

A circa 600 m dal centro storico. Al piano terreno di un ex fabbricato colonico tipico della

Garfagnana, è stato adibito a B&B un piccolo appartamento dotato di ingresso privato, camera,

cucina e bagno indipendente.

 

B&B “Il Casale delle Pianacce”

Loc. Pianacce – Castiglione di Garfagnana

335 527 6629

A circa 600 m. dal centro storico. Ricavato in un fabbricato di antica costruzione, dispone di tre

camere, sala colazioni, terrazza.

http://www.ilcasaledellepianacce.it

info@ilcasaledellepianacce.it

 

Agriturismo “Poderino e Tramonti”

Loc. Poderino – Castiglione di Garfagnana

Appartamenti indipendenti dislocati in due casali, un casale a circa 500 m dal centro storico, l’altro

immerso nella campagna circostante a circa 1 km dal centro storico.

340 8503839 – 0583 68576

http://www.poderinotramonti.it

 

Agriturismo “Fattoria Carpineta”

Loc. Carpineta – Castiglione di Garfagnana

Appartamenti indipendenti. A circa 600 m. dal centro storico, immerso nella campagna.

0583/68510

 

Affittacamere Casale “Le Selve”

Di Pieroni Barbara

Loc. le selve – Castiglione di Garfagnana

347 1883033 – 0583 68019 – info@casaleleselve.it

La struttura, un antico fabbricato in pietra dispone di camere indipendenti e spazi comuni attrezzati.

A circa 1,5 Km dal centro storico, il casale è immerso nei boschi di castagno sopra l’abitato di

Castiglione al quale è collegato anche da sentieri trekking oltre che da una strada sterrata

percorribile in auto.

http://www.casaleleselve.it

 

Ristorante “Il Castello” – Case Vacanza

Loc. Cigiana di sopra – Castiglione di Garfagnana

Si trova a circa 300 m dal centro storico.

Il ristorante pizzeria che dispone anche di piscina, ha disponibilità di camere e case vacanza in

affitto dislocati attorno al ristorante stesso in prossimità del centro storico. Per ulteriori informazioni

contattare la struttura:

0583 68787

Michela: 335 5477619

 

Azienda agrituristica “Il Corniolo”

Loc. le Prade 25 – Castiglione di Garfagnana

A circa 1 Km dal centro storico. Rustico in pietra con due appartamenti indipendenti.

Tel 0583 68705 – 348 3578830

http://www.agriturismoilcorniolo.it

 

“IL CASONE” Centro Turistico, Albergo, Ristorante.

Loc. Casone di Profecchia – Castiglione di Garfagnana

La struttura alberghiera con rinomato ristorante, si trova a circa 15 Km dal centro storico di

Castiglione (circa 30 minuti di auto) sulla strada statale in direzione Passo delle Radici, immersa nei

verdi boschi di faggio dell’appennino Tosco Emiliano ad un’altitudine di 1314 mt sul livello del

mare. L’hotel dispone di 38 camere.

Nella stagione estiva è possibile praticare tennis , trekking, mountain bike, Sci d’erba, calcetto,

equitazione e tanti altri sport all’interno del Centro Turistico o cercare funghi porcini nelle splendide

faggete circostanti.

Tel 0583 649028

http://www.hotelilcasone.it

 

Casa per ferie “Ctg Don Vignali”

Via Fontana 4 , loc. Pian di Cerreto (Castiglione di Garfagnana ).

Telefono 328 9356270 – 0583 666593

La frazione di Pian di Cerreto si trova a circa 2 Km dal centro storico di Castiglione.

La casa per ferie dispone di 26 posti letto, con 4 bagni e 11 docce. sala da pranzo, cucina attrezzata,

sala TV, parcheggio privato, giardino, equitazione a 1 Km. E’ dotata di un ampio parco, ideale sia

per attività ludiche che di campeggio. Camere doppie e multiple con servizi ai piani. Ognuna delle

sei camere può essere adattata a seconda delle esigenze; Tutte possono ospitare da 6 a 8 persone

(eccetto una che invece ha 2 posti letto) su letti a castello e normali. Viene affittata in autogestione

per gruppi (scout, gite ecc.)

 

CASA “LIANA” – casa vacanza

Loc. Liana – Castiglione di Garfagnana

Rustico immerso nella campagna attorno a Castiglione a circa 1 km dal centro storico.

Info e prenotazioni su http://www.booking.comhttp://www.homeaway.it

Link video di presentazione: https://youtu.be/kOJdGxUU5yE

 

STRUTTURE ALBERGHIERE A S. PELLEGRINO IN ALPE

  1. Pellegrino in Alpe, che dista a circa 17 km da Castiglione (30/35 minuti in auto) è il paese abitato

posto alla maggiore altitudine dell’intera catena montuosa appenninica ed è adagiato su uno dei

versanti dell’Alpe di San Pellegrino (1525 m s.l.m.). Il paese si sviluppa attorno al “Santuario di San

Pellegrino” attualmente visitabile ed in ottimo stato di conservazione. Nel paese è allestito, vicino al

santuario, un museo dedicato alla civiltà contadina locale. Da San Pellegrino in Alpe si gode di un

ampio panorama sulla Garfagnana e sulle Alpi Apuane.

 

LA TAVERNA DEL PELLEGRINO

  1. Pellegrino in Alpe (Castiglione di Garfagnana)

Ospitalità, ristoro e vendita diretta prodotti tipici della montagna. Disponibili due appartamenti in

affitto “a notte” dotati di cucina, e ciascuno in grado di ospitare fino a 6 persone.

info@tavernadelpellegrino.it

http://www.tavernadelpellegrino.it

 

ALBERGO Ristorante “L’APPENNINO” da Pacetto

  1. Pellegrino in Alpe (Castiglione di Garfagnana)

0583 649069

 

ALBERGO Ristorante “L’ALPINO”

  1. Pellegrino in Alpe (Castiglione di Garfagnana)

0583 649068

 

ALTRE STRUTTURE RICETTIVE NELLE VICINANZE DI CASTIGLIONE

“La Lanterna” Hotel Ristorante

Loc. Le Monache Piano Pieve – Castelnuovo di Garfagnana

A circa 3 Km da Castiglione di Garfagnana

Telefono 0583.639364

www.lalanterna.eu

 

 

 

L’ottava edizione del Leggere Gustando festival bioletterario

 

Dal 23 al 25 giugno tre giorni di Leggere Gustando a Castiglione di Garfagnana. Il festival bioletterario, nato nel 2010 in Garfagnana, vedrà tra gli ospiti dell’ottava edizione Barbara Garlaschelli, Normanna Albertini, Daniela Simi, Vincenzo Pardini, Caterina Frustagli, Alberto Chicayban, Piergiorgio Leaci, Tommaso Teora, Moreno Maffucci, Roberto Andreuccetti, Pietropaolo Pighini, Foscolo Nicolini, Andrea Campoli.

 

http://www.prospektiva.it/index.php/Leggere_Gustando_2017

Il Garfagnana in Giallo 2015 a Paolo Roversi, Lidia Del Gaudio, Gabrio Franchi e Sara Magnoli

 
E’ Paolo Roversi con  “Solo il tempo di morire” (Marsilio) il vincitore della settima edizione del Garfagnana in giallo 2015.

Il premio è stato consegnato durante il festival letterario dedicato alla scrittura gialla, noir e poliziesca che si è tenuto tra Lucca, Barga e Castelnuovo di Garfagnana dal 27 al 29 novembre che ha avuto tra gli altri ospiti Marco Vichi e Giampaolo Simi.

Roversi – che ha ricevuto il premio dalle mani del vincitore 2014 Antonio Fusco – l’ha spuntata in finale su Piergiorgio Pulixi, Carlo F. De Filippis, Letizia Vicidomini, Simone Morgantini e Roberto Van Heugten. Il Garfagnana in giallo ideato da Andrea Giannasi e curato con Fabio Mundadori, si è svolto nella suggestiva cornice della fortezza estense di Castelnuovo di Garfagnana. Tra le mura del 1500, al temine di una cena con il delitto curata da Massimo Lerose, sono stati consegnati i premi del tutto originali e veri e propri pezzi unici. Paolo Roversi si è aggiudicato il casco coloniale francese dedicato al “Defunto signor Gallet” romanzo di Georges Simenon.

Il premio nella sezione ebook, consegnato da Piera Carlomagno, è andato a “Se un cadavere chiede di te” di Sara Magnoli.

Nella sezione libri editi premiati anche “Il vizio di Caino” di Ferdinando Pastori (Novecento – Calibro 9), “La notte sbagliata” di Giorgio Molinari (Innuendo) e il “Il mistero della stanza chiusa nella villa dei suicidi assistiti” di Pier Luigi Felli (Ego).

Sul palco premiati come migliori racconti Lidia Del Gaudio con “Dischi di cartone” e Gabrio Franchi con “Un attimo di buio”.

Per i racconti premio del Giornale di Castelnuovo a “200 millisecondi” di Giuliana Ricci, mentre il premio Barga Città del libro è andato a “Le colpe dei padri” di Gian Luca Campagna.

Viva la soddisfazione della rappresentante della Regione Toscana la consigliera Ilaria Giovannetti, dell’assessore della Provincia di Lucca Mario Puppa, degli assessori del comune di Castelnuovo Chiara Bechelli, e del comune di Barga, Giovanna Stefani. Tra i presenti in sala la responsabile della Biblioteca “F.lli Rosselli” di Barga Maria Luisa Livi, Matteo Bortolotti, collaboratore di Carlo Lucarelli e coautore dell’”Ispettore Coliando”, dei vincitori del Giallo Mondadori Manuela Costantini e Maurizio Polimeni.

Appuntamento al 2016 con il festival e premio letterario dedicato a Truman Capote.

Dal 27 al 29 giugno in Garfagnana il festival bioletterario Leggere gustando

leggere-gustando-2014-ALEGGERE GUSTANDO Festival Bio-Letterario 27/28/29 giugno 2014 Castelnuovo di Garfagnana

Da venerdì 27 a domenica 29 giugno 2014 si terrà a Castelnuovo di Garfagnana, presso la Piazzetta Ariosto, il festival bioletterario “Leggere gustando”. L’evento promosso dalla rivista Prospektiva (la rete dei Festival letterari) avrà la collaborazione di Prospettiva editrice, di Tra le righe libri, di Garfagnana editrice, la fattoria didattica “Lo spaventapasseri” e di Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio; il patrocinio del Comune di Castelnuovo di Garfagnana. L’evento rientra nei progetti degli Stati Generali della Garfagnana Terre del Serchio. Main sponsor Gino Guidi Costruzioni. Media partners La Nazione, NoiTv, Il Giornale di Castelnuovo. La bibliolibreria sarà curata da La Libreria di Castelnuovo, dalla Libreria Magnani, dalla Libreria Poli di Barga.

Ecco il programma:
Venerdì 27 giugno

Ore 20,30 – Inaugurazione del Leggere Gustando alla presenza del sindaco Andrea Tagliasacchi.
A seguire Un popolo in cammino: dalla via del Volto Santo all’emigrazione. Intervengono Amedeo Guidugli autore del saggio “Sul cammino del Volto Santo” (Garfagnana editrice) e Pietro Luigi Biagioni, direttore della Fondazione “Paolo Cresci” per la storia dell’emigrazione italiana. Modera Andrea Giannasi.

Ore 21,00 – Sentieri sociali: idee per la Garfagnana
“Come far nascere un manifesto programmatico culturale, sociale e civile e sul come disegnare il futuro della nostra terra”.
Saranno presenti: Alessandro Figaro dell’Ass. I custodi del piano, Fornaci 2.0, Unitre Barga, Unitre Castelnuovo, Emilio Bertoncini Orti scolastici, L’Arca della Valle con Sonia Ercolini, la Piccola Agricola, Adolfo Da Prato del trekking di Gallicano, Umberto Bertolini per le scuole, Alessio Pedri di Slow Food, Alessandro Pedreschi per la Motomerenda, Silvia Petruzzelli di Olos, Elena Bertoli Gas Barga, Luigi Lucchesi ProLoco di Castiglione, Roberto Andreuccetti per il frantoio di Valdottavo, Andrea Bertucci per i prodotti eccellenti, Gas Castelnuovo, e molti altri ancora pronti a raccontare le proprie esperienze da condividere.
Durante l’evento degustazione con biroldo della Garfagnana e e pane di patate. Vini “Fopola”e “Polla” de I poderi di Garfagnana dai vigneti di Fosciandora, Riana e Camporgiano. A cura di Garfagnana Slow Food e Valle del Serchio. Bibliolibreria a cura de La Libreria di Castelnuovo.
Sabato 28 giugno

Ore 20,30 – Narrazioni di guerra
Bruno Giannoni autore di “Ipotesi di famiglia” (Tra le righe libri), Tommaso Teora curatore del libro “Racconti di guerra vissuta” (Banca dell’Identità e della memoria della Garfagnana), Roberto Andreuccetti curatore del libro di Giuseppe Giambastiani “Memorie di prigionia” (Tra le righe libri), Claudio Orsi curatore del libro “Da rastrellati a partigiani” (Tra le righe libri) parlano dell’esigenza di ricordare.

Ore 21,00 – Scrittura femminile
Secondo Lidia Ravera la grande differenza tra scrittura maschile e scrittura femminile è sostanziale: “Le donne si sottomettono, cedono al racconto, si fanno orecchio, riproducono rumori e sentimenti, emozioni, e ogni minimo dettaglio di paesaggio interiore ed esteriore (…). Gli uomini invece si difendono dal narrare, strutturano, edificano, ingombrano di idee, puntellano e fortificano con digressioni ed erudizioni, non cedono, più difficilmente si lasciano possedere dal fluire affascinante della vita.” (Panta, Bompiani).
Ne parlano Simonetta Simonetti autrice del libro “Profumi” (Tra le righe), Silvia Redini e Brunella Bertoni che hanno scritto “La terza via” (Garfagnana editrice), Patrizia Bartoli coautrice di “Nove galline e un gallo “(Collezioni Reggiane).
Modera Andrea Giannasi. Interventi della giornalista Barbara Pavarotti e temi dirompenti del giornalista de La Nazione Mario Rocchi
Durante l’evento degustazione con miele, marmellate e formaggi della Garfagnana. A cura di Garfagnana Slow Food e Valle del Serchio.
Bibliolibreria a cura de la Libreria Magnani di Castelnuovo.

Domenica 29 giugno
Giochi antichi e corsa con i carretti a Le Lame

Dalle ore 10 presso la Fattoria didattica “Lo spaventapasseri” si svolgerà la prima gara dei Carretti e giochi antichi.
Evento in collaborazione con l’Associazione il Sogno, la Federazione italiana Carts, Metaltek corse.
Nel corso della giornata attività didattiche:  conoscenza dei vari tipi di carretto vecchi e moderni, costruzione di un carretto, prove pratiche e gara, giochi antichi per grandi e piccini, visita alla fattoria degli animali, degustazione in fattoria.
Costo iscrizione: 15 €. Prenotazione obbligatoria: 328 6984822 Barbara

Piazzetta Ariosto
Ore 20,30 – Scrivere. Ne parlano Alessandro Trasciatti autore de “Il dottor Pistelli” e Alessandro Ferri con “Pregare, pregare, pregare”.

Ore 20,30 – Nel silenzio dello spogliatoio: racconti di calcio
Marco Vignolo Gargini e Pietro Paolo Angelini attraverso i protagonisti del mondo del grande e piccolo calcio presenteranno i libri “Caldiodangolo” (Prospettiva editrice) e “Pietro Ivano Sarti 1940-1993. Una vita per la scuola e lo sport” (pubblicato nei Quaderni della Collana della Banca dell’Identità e della Memoria della Garfagnana).
Durante l’evento degustazione di “Tipici atipici” con formaggi e pane, degustati con birra di farro di Petrognola. A cura di Garfagnana Slow Food e Valle del Serchio.
Bibliolibreria a cura della Libreria Poli di Barga.

www.prospektiva.it

Festivaletterari: Il tra le righe di Barga dall’11 al 14 luglio

tra-le-righe-bargaIl festival del libro in uno dei borghi più belli d’Italia

Saranno Claudio Sabelli Fioretti, Gigi Moncalvo, Carlo A. Martigli e Remo Santini gli ospiti del Tra le righe di Barga, festival letterario giunto alla sesta edizione. L’evento, che negli anni ha avuto ospiti come Beppino Englaro, Rosario Priore, Antonello Caporale, Paolo Guzzanti, Aurelio Picca, Nadia Francalacci, Vincenzo Pardini, Mario Rocchi, Domenico Manzione, Normanna Albertini, David Baldacci, Giampaolo Simi, si svolge dall’11 al 14 luglio in centro storico, presso palazzo Pancrazi.  Sarà dunque la Rai a farla da padrona con Claudio Sabelli Fioretti direttamente dalla trasmissione “Un giorno da pecora” in onda su RadioDue e Gigi Moncalvo, conduttore di trasmissioni su Rai Due. Dall’altra parte Carlo A. Martigli, che molti vedono su Canale 5 al pomeriggio, e Remo Santini rappresentante della carta stampata, essendo caposervizio della redazione de La Nazione a Lucca.
La manifestazione come ogni anno è patrocinata dal Comune di Barga e saranno presenti agli eventi il sindaco Marco Bonini e l’assessore alla cultura Giovanna Stefani.

Organizzato da Prospektiva il “Tra le righe” rientra nel programma dei festival che si svolgono in quattro regioni italiane: Toscana, Puglia, Lazio e Calabria. Collaborano alla realizzazione dell’evento la libreria Poli, Prospettiva editrice, Il Giornale di Barga e la Garfagnana editrice.

Ma entriamo nel dettaglio del programma.

Giovedì 11 luglio alle ore 21 verrà presentato il libro Agnelli segreti: Peccati, passioni e verità nascoste dell’ultima «famiglia reale» italiana. Gigi Moncalvo presenta il suo ultimo libro dal titolo “Agnelli segreti” (Vallecchi). Andrea Giannasi intervisterà il giornalista (Corriere della Sera, Il Giorno, La Padania), conduttore televisivo (Canale 5 e Raidue), ex dirigente Rai, sulle figure dei consiglieri-cortigiani e sui misteri di famiglia.

Venerdì 12 luglio alle ore 21 sarà la volta di Claudio Sabelli Fioretti.

L’autore e conduttore della trasmissione radiofonica che mette sulla graticola i politici italiani sarà intervistato dal giornalista Alvaro Ranzoni. Durante l’evento verranno fatte vedere inedite registrazioni video della trasmissione.

Sabato 13 luglio alle ore 21 Carlo A. Martigli presenta L’eretico. Autore di libri di successo (l’ultimo ha venduto oltre 300.000 copie) Martigli si presenta come uno degli autori thriller storici migliori d’Italia. Ospite di numerose trasmissioni televisive di Canale 5. Intervistato da Andrea Giannasi.

Infine domenica 14 luglio dalle ore 20,30 si parlerà dell’identità della scrittura

Anteprima con gli autori lucchesi Manuele Bellonzi, Patrizia Bartoli, Silvia Redini, Brunella Bertoni, Marco Bonini, Paolo Giannotti che dialogheranno con Andrea Giannasi alla scoperta del valore del raccontare il territorio. Alle 21,15 Remo Santini presenterà i suoi libri sulla lucchesità, parlando dell’importanza dei valori e delle radici delle comunità.

 

Info e note sul sito http://prospektiva.wordpress.com/

Il festival del libro Leggere Gustando in Garfagnana aperto da Vincenzo Pardini

Sarà Vincenzo Pardini lo scrittore che inaugurerà il Leggere Gustando 2011. Intervistato da Andrea Giannasi sotto la Rocca Ariostesca, Pardini presenterà in anteprima nazionale il suo nuovo libro “Il viaggio dell’orsa” (Fandango).

Il viaggio dell’orsa si svolge nel tempo in cui gli abitanti dell’alta Garfagnana, in cambio di pascoli, dovevano fornire, ogni anno a Natale, un orso o un porco al duca di Ferrara, che lo chiudeva nei sotterranei del castello allo scopo di farlo crescere e ingrassare, per poi macellarlo. Incatenato, l’orso doveva scendere insieme agli uomini fino a Modena. Da qui, su un’imbarcazione, avrebbe raggiunto Ferrara. Tutto fila liscio, finché non viene catturato il cucciolo di una vecchia ed enorme orsa.

Ne La picciona etrusca un aruspice, dall’Umbria, si trasferisce in Garfagnana con l’ausilio di due mule. Un viaggio avventuroso, tra briganti e soldati allo sbando. Il protagonista de Il fratello del lupo è Ludovico Ariosto, durante il suo soggiorno in Garfagnana come governatore di quella terra. Serague è una vecchia mula che stringe amicizia col pappagallo del narratore, il quale gli trasmette ciò che lei le racconta, tra peregrinazioni, sofferenze e veduta di strani paesaggi notturni.
Una viaggiatrice dei nostri tempi, tanto che traversa tratti di deserto medio orientale, con guerre in corso. La sfida e la pantera, infine, è vicenda dei nostri giorni che ha per protagonisti un grosso Pastore maremmano che proviene dall’Aquila e una pantera, forse la stessa che, per molti anni, si aggirò tra le campagne e la periferia di Roma.
Vincenzo Pardini scrive cinque racconti memorabili che lo confermano un maestro degno di Guy de Maupassant, come scrisse Natalia Ginzburg. Un indagatore e narratore,
tra campagna e mondo animale, fedele alla tradizione novellistica italiana.
Vincenzo Pardini è nato nel 1950 in un paese della Media Val di Serchio e vive oggi a Stabbiano, vicino Lucca. Collabora ai quotidiani “La Nazione” e “Il Giornale”, al supplemento “Tuttolibri” de “La Stampa” e alle riviste “Nuovi Argomenti” e “Paragone”.
Ha pubblicato numerosi racconti e romanzi: La volpe bianca (La Pilota, 1981), Il falco d’oro (Mondadori, 1983), Il racconto della luna (Mondadori, 1987), Jodo Cartamigli (Mondadori, 1989), La mappa delle asce (Theoria, 1990), La congiura delle ombre (Theoria, 1991), un testo per ragazzi, Giovale (Bompiani, 1993), Rasoio di guerra (Giunti, 1995), Pumillo il gatto dei boschi (Laterza, 1999), La terza scimmia (Quiritta, 2001), Lettera a Dio (peQuod, 2004), Tra uomini e lupi (peQuod 2005, Premio Viareggio-Répaci) e Il falco d’oro (peQuod 2006). Il suo ultimo libro è Banda randagia (Fandango, 2010).

Al “Leggere Gustando” il Candido di Giovannino Guareschi

Il festival del libro della Garfagnana “Leggere Gustando”, diretto da Andrea Giannasi e organizzato da Prospettiva editrice e Garfagnana editrice, ricorda Giovannino Guareschi con una mostra di copie originali del “Candido” la nota rivista diretta dal giornalista romagnolo. L’evento che aprirà i battenti giovedì 21 luglio si terrà all’ombra dell’antica Rocca Ariostesca.
Dopo la guerra Guareschi, che era stato imprigionato in un campo tedesco, fece ritorno in Italia e fondò la rivista indipendente con simpatie monarchiche. Era un settimanale e usciva il sabato presentando molte vignette di feroce ironia. Nella rivista, insieme ad altre famose penne della satira italiana, lo stesso Guareschi seguiva numerose rubriche tra cui quella a firma “Il Forbiciastro”, che spigolava nella cronaca spicciola italiana.
Guareschi era rimasto un irriducibile monarchico e non lo nascondeva.
Non perse occasione per denunciare le truffe consumate ai danni della monarchia italiana. In occasione del referendum istituzionale del 2 giugno 1946 sostenne apertamente la monarchia e denunciò i brogli che avevano ribaltato l’esito del voto popolare.
Insieme alle copie del 1948 verranno esposte anche i fumetti del disegnatore Nazareno Giusti. Si tratta di un progetto, composto da oltre 200 tavole che prende in esame tutta la vita di Guareschi.
Il libro uscirà probabilmente in autunno stampato dalla casa editrice Hazard Edizioni di Milano con il titolo “Non muoio neanche se mi ammazzano. Vita di Giovannino Guareschi”
“Nazareno Giusti – scrivono Alberto e Carlotta Guareschi – ci racconta, come fosse una bellissima favola a fumetti, la storia di Giovannino Guareschi, nostro padre. Una di quelle «storie buffe e malinconiche che», scrive nostro padre, il fiume «placido e indifferente» raccoglie e «porta via verso il gran mare della storia del mondo». Siamo entusiasti per le illustrazioni, per la tecnica e per la scelta dei testi inseriti nelle tavole e nei baloon che rivelano una notevole sensibilità e un grande dono di sintesi, specie nei “capitoli” dei due “internamenti” e della sua scomparsa. Una storia che sembra veramente una favola, illustrata con colori surreali che donano profonde emozioni e trasformano la realtà in leggenda alla fine della quale si è dispiaciuti perché il fumetto è finito.”

Leggere Gustando” è seguito da Il Giornale di Castelnuovo.
Info e note al sito: www.ilgiornaledicastelnuovo.it

Nasce Garfagnana editrice

Tanti libri in Garfagnana con una nuova casa editrice

Nasce a Castelnuovo una nuova casa realtà editoriale: “Garfagnana editrice” legata alla storia, alla tradizione, alle virtù di un luogo.
Garfagnana editrice è identità di una valle intera. Perché l’identità è veramente l’unico valore reale che una comunità possiede. Valore scolpito, disegnato, intarsiato dalle generazioni precedenti, che hanno fatto della Garfagnana una terra unica. Un’isola di pietra e poggi, di lavoro e tenacia, di coraggio e caparbietà che deve tradursi in libri da spargere nel mondo come semi.
Garfagnana editrice intende raccogliere il testimone del tempo, conservando a memoria perenne le lettere, le parole, che più di ogni altre aiutano il mondo a riconoscere una terra buona da una cattiva.  In buona sostanza la nuova casa editrice vuole costruire in valle una “industria culturale” fatta di libri, eventi, workshop, festival e feste.
Giovanni Pascoli quando giunse nel 1895 si innamorò delle guglie irte e selvagge delle Alpi Apuane e dei morbidi profili degli Appennini. Osservò il Serchio, irruento e giocoso alla sua sorgente, placido e rigoglioso nel suo cammino verso il mare. E percorrendo la strada che lo portava a Castelvecchio disse: “qui c’è Bello e c’è Buono, ed è qui che voglio restare”.
Garfagnana editrice lavora sull’identità ed è riconoscibile per il carattere tipografico, per la carta, per le immagini di copertina, per la grafica, per l’eleganza delle sue edizioni.
Direttore editoriale è Andrea Giannasi e il sito internet è http://www.garfagnana-editrice.it
Garfagnana editrice è ogni cittadino della terra che si affaccia sul Serchio, solo modestamente mansueto, pronta a disegnare nel mondo un nuovo disegno letterario.
Garfagnana editrice
intende pubblicare tre o quattro titoli ogni anno, curando le edizioni nei minimi dettagli. I volumi saranno rilegati a filo, con carta avorio e un carattere tipografico espressamente dedicato.
Importante per noi sarà lavorare in Garfagnana ma anche e soprattutto portare i libri delle nostre collane fuori dalla valle per valorizzare il nostro lavoro. Questo percorso di diffusione sarà garantito da alcuni distributori nazionali e dalla partecipazione ad eventi letterari, Fiere dei libri e Festival letterari.
Il nostro primo obiettivo sarà partecipare al Salone Internazionale del libro di Torino che si terrà presso il Lingotto nel mese di maggio.
Durante questo evento lanceremo la casa editrice a livello nazionale.
Lo scopo è quello di portare la Garfagnana in decine di libreria dalla Sicilia alla Lombardia, facendo conoscere la nostra storia, la nostra cultura e la nostra tradizione.
Garfagnana editrice, nello stile e nel DNA dei garfagnini quindi sarà un casa editrice in movimento.
La casa editrice si rivolge agli amministratori, ai sindaci, agli enti, agli istituti scolastici, perché si riesca a costruire una sinergia di intenti che possa far unire la cultura letteraria alla cultura del territorio, perché una copia di un libro venduta a Milano o Palermo deve diventare un biglietto da visita per l’intera valle e la sua economia.


Garfagnana editrice ha tre collane:
VALLISNERIA
dedicata alla saggistica. Il titolo deriva da Antonio Vallisneri nato a Trassilico, scienziato e naturalista, ma soprattutto autore in italiano delle proprie opere. In suo onore, Linneo ha chiamato Vallisneria un genere di piante acquatiche appartenente alla famiglia delle Hydrocharitaceae.
MALEGUZZO
dedicata alla narrativa. Il titolo deriva dalla IV Satira di Ludovico Ariosto interamente composta in Garfagnana. “Maleguzzo cugin, che tacciuto abbia nonti maravigliar, ma maraviglia, abbi che morto io non sia ormai di rabbia”.
PERVINCA
dedicata alla poesia. Giovanni Pascoli scrisse questa poesia intitolandola Pervinca.

Info e note www.garfagnana-editrice.it
email: garfagnanaeditrice@yahoo.it

Navigazione articolo