Festivaletterature

I festival letterari italiani

Archivio per il tag “Garfagnana editrice”

Roberto Giacobbo, Beppino Englaro ed Emilio Gentile tra gli ospiti del Terracina Book Festival 2017

Roberto Giacobbo, Beppino Englaro ed Emilio Gentile tra gli ospiti del Terracina Book Festival 2017

Giunto alla sua ottava edizione il Terracina Book festival, organizzato da Innuendo editore, Tra le righe libri editore e Prospektiva, patrocinato dal Comune di Terracina, Città che Legge 2017, si apre nel centro storico venerdì 8 settembre alle ore 18 per poi proseguire fino a domenica 10. Tanti gli ospiti e i temi affrontati. Con Beppino Englaro sul palco Andrea Giannasi e Massimo Lerose dialogheranno sul fine vita e sui diritti civili ricordando Eluana Englaro. Con il famoso conduttore televisivo Roberto Giacobbo – autore della trasmissione Voyager in onda sulla Rai – invece il tema sarà quello del mistero raccontato attraverso il viaggio. Con lo storico Emilio Gentile, docente alla Sapienza di Roma in storia contemporanea, intervistato dal giornalista Cesare Rinaldi, invece l’argomento sarà il fascismo e il consenso, seguendo la lezione di Renzo De Felice. Domenica il TBF presenterà come ogni anno Poeti a duello la sfida a colpi di versi ideata da La Masnada in Calabria e portata in tour in Italia dal poeta Gianluca Pitari.

Questa edizione offrirà delle anteprime “Terracina LittleTown” a partire dalle 18,30 dedicate ai bambini.

Il Terracina Book Festival, che fa parte degli eventi delle Città del libro, è ideato da Massimo Lerose e Andrea Giannasi, che si svolge in Piazza Santa Domitilla nel centro storico di Terracina. Tra l’Appia antica, la Cattedrale, i resti delle antiche vestigia dell’impero romano si tiene il festival con contaminazioni letterarie, poetiche, cinematografiche e tanti scrittori.

Ogni giorno verrà aperto uno spazio bibliolibreria.

In dettaglio il programma del TBF 2017 prevede:

– Venerdì 8 settembreLittleTown Terracina, alle ore 18,30 con la lettura della favola “Mozart e lo Gnomo Saggio” di Simonetta Biserni.

Alle ore 19 Terracina poetica con Armando Citarelli e Andrea Sibilio.

Alle ore 20 la storica voce della Rai, Alberto Lori, presenta il suo ultimo libro “L’ombra della sera”.

Alle ore 21 sul palco Beppino Englaro.

– Sabato 9 settembre: alle ore 19 Terracina Narrante con Fabio Cervelloni autore di “Io sono l’Agenda” e Giuseppe Recchia autore di “Maledetti dalle fiamme”.

Alle ore 20 Incontro con lo storico Emilio Gentile.

Alle ore 21 sul palco Roberto Giacobbo.

– Domenica 10 settembre: alle ore 18,30 Lettura della favola “Il drago di Carta” di Simone Pozzati, illustrazioni di Valeria Cerilli e animazione attraverso il #teatrinoDelleMarionette di Alessandra Gradassi.

Alle ore 19 l’argomento sarà quello dell’universo femminile con Carmer Gasperotto e Marielena Porzio autrici di “Éco – S. Femminile plurale” e Merilia Ciconte autrice di “Dopo il buio. Storia di un amore malato”.

Alle 20 Mario Di Mario presenta “Terracina. Cronache di vita amministrativa vissuta. 1960-1990”.

Alle 21 Poeti a duello al termine del quale si terranno le premiazioni di “Si scrive Terracina”.

Il TBF fa parte della rete dei festival letterari. Dieci eventi in quattro regioni italiane tra Toscana, Puglia, Calabria e Lazio (www.prospektiva.it).

Annunci

La valle del bello e del Buono al Salone Internazionale del libro di Torino

piacere-torino-14 copia

Il Bene. Questo il tema della 27° edizione del Salone Internazionale del libro di Torino che si terrà al Lingotto fiere dall’8 al 12 maggio.
Il Bene inteso come implicazione filosofica, etica, storica e ovviamente letteraria. Come concetto di Bene Comune, ma anche – seguendo le note di Primo Levi – “lavoro ben fatto”, per riscoprire la cura artigianale nel “fare” libri.
Il Paese ospite di questa edizione sarà la Santa Sede con uno spazio espositivo che ripresenta il selciato di Piazza San Pietro.
E come ogni anno, dal 2001, al Padiglione 1 Stand D18 sarà presente la Garfagnana tra libri, incontri, presentazioni, video interviste e importanti ospiti. Tra questi i libri della Banca e dell’Identità della Memoria dell’Unione dei Comuni della Garfagnana, Tra le righe libri e la condotta Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio, che presenterà degustazioni dei prodotti tipici del territorio come il biroldo, la mondiola, il formaggio pecorino, il pane di patate, la bitta di Petrognola e molto altro ancora.
“Per il secondo anno consecutivo – ci ha ricordato Andrea Giannasi che va a Torino da 13 anni e che cura lo stand – andiamo al Salone che ogni anno ospita 350.000 visitatori che amano leggere, informarsi, conoscere e scoprire nuove cose. Presenteremo i libri del nostro territorio, abbinandoli a degustazioni e assaggi unendo la qualità del gusto alla qualità della storia che si fa libro. Quest’anno lavoreremo sulla memoria partendo proprio dall’ultimo libro della Banca dell’Identità e della Memoria, diretta da Francesco Pinagli e curata da Patrizia Pieroni, nel quale Tommaso Teora ha raccolto quasi 150 testimonianze di anziani che ricordano gli orrori della guerra. Ci sarà tanta Garfagnana dunque e non saranno solamente libri. All’evento ci sarà modo di incontrare scrittori, editori, giornalisti che poi vorremmo invitare a Castelnuovo, a Barga e in altri bei luoghi della nostra valle. E dal cassetto – ha concluso Giannasi – faremo uscire un nuovo progetto letterario.”
Durante la cinque giorni letteraria in sala stampa verranno presentati i Festival letterari 2014 di Prospektiva: dal Terracina Book festival al Festivaletteratura di Calabria, dal Leggere Gustando al Tra le righe di Barga, da Un mare di lettere di Civitavecchia a Incipit di Lecce, per finire con il Garfagnana in Giallo.
Sarà possibile seguire il Salone Internazionale del libro di Torino con l’hashtag #insideprospektiva tramite Twitter, Facebook e il blog della rivista letteraria.

Leggere Gustando: festival letterario in Garfagnana

 

Dopo l’ottimo successo ottenuto nel 2010 torna dal 21 al 24 luglio a Castelnuovo di fronte alla Rocca Ariostesca una nuova edizione del “Leggere Gustando” l’evento enogastroletterario che unisce libri, prodotti tipici locali, storia e cultura della Garfagnana.

Ogni sera dalle 20,30 si parlerà di libri con degustazioni di prodotti tipici della valle con scrittori, giornalisti e nuovi autori.

Inoltre saranno allestite anche una esposizione di macchine da scrivere che racconteranno la storia della scrittura meccanica (dalle antiche Torpedo alle innovative macchine elettriche) e una mostra di copie del 1948 de “Il Candido” il famosissimo settimanale di satira politica diretto da Giovanni Guareschi.

Si inizia giovedì 21 luglio con Garfagnana editrice racconta. Incontro letterario con Roberto Andreuccetti autore del romanzo “Castello 1908”. Un viaggio nella vita contadina di 100 anni fa.

A seguire si terrà l’incontro moderato da Andrea Giannasi con Vincenzo Pardini (Fandango), con letture di testi di Piero Nannini dal titolo Lupi e briganti: Ludovico Ariosto e la sua Garfagnana.
Durante la serata si svolgerà I Tipici Atipici: Spazio degustazione di Antica Pasticceria Fronte della Rocca.

Venerdì 22 luglio per l’anteprima Garfagnana editrice racconta, incontro letterario con Adolfo Da Prato autore del libro “Un amore grande”, un viaggio tra poesia e paesaggi della Alpi Apuane.

A seguire Tutto quello che avresti voluto sapere ma che nessuno ti ha mai raccontato.
Incontro con Alvaro Ranzoni (giornalista e collaboratore della BBC di Londra, inviato speciale di Panorama e reporter di guerra da vari fronti). Intervista di Andrea Giannasi.

Durante l’incontro letterario “Spazio degustazione”. La serata sarà interamente dedicata ai prodotti di Coop con il direttore Giovanni Rombolini.

Sabato 23 luglio si terrà lo spettacolo di letture e musiche dal titolo  Pietro da Talada: un pittore del Quattrocento in Garfagnana.
Incontro con Normanna Albertini, Umberto Bertolini, Dino Magistrelli sulla storia e le leggende legate al nome del pittore autore del Trittico di Borsigliana. Letture e canti dell’attrice Marina Coli.

Durante la serata si svolgerà “I Tipici Atipici” Spazio degustazione di Antica Pasticceria Fronte della Rocca.

Infine domenica 24 luglio per  Garfagnana editrice racconta, incontro letterario con Manuela Domenicali autrice  di “Una storia d’amicizia”. Un lungo racconto alla ricerca della sincerità e dell’amicizia.

E alle ore 21,00  Sono più matti gli scrittori o i lettori? Incontro con il drammaturgo Claudio Beghelli e lo psichiatra Roberto Infrasca. Modera Andrea Giannasi.

Durante l’incontro letterario “Spazio degustazione”. Alcuni produttori della Garfagnana presenteranno e faranno degustare al pubblico formaggi, latticini, salumi, mieli, vini e birre del territorio. A cura di Garfagnana Orgolosa.

Il Leggere Gustando organizzato da Il Giornale di Castelnuovo, da Prospettiva editrice, da Garfagnana editrice, da Prospektiva rivista letteraria e patrocinato dal Comune di Castelnuovo di Garfagnana, dalla Comunità Montana della Garfagnana, dal Gal Garfagnana, è inserito nel programma di Ponti nel tempo, con il concorso di InGarfagnana, di Compriamo a Castelnuovo, e la partecipazione di Coop Tirreno, Antica Pasticceria Fronte della Rocca e Garfagnana Orgolosa.

“Leggere Gustando” è inserito nel circuito letterario Nazionale che già comprende altre regioni quali la Toscana (Comune di Barga – Lucca), il Lazio (Civitavecchia-Roma e Terracina-Latina), Puglia (Novoli-Lecce) e la Calabria (Cropani Marina – Catanzaro).

(www.prospektiva.it/festivaletterari.htm)

Pietro da Talada a Borsigliana il 18 giugno

Il pittore del 1400 Pietro da Talada torna per la prima volta dopo 600 anni nella sua Borsigliana raccontando la sua storia e degustando i prodotti tipici del primo Slow Food Day.
Infatti sabato 18 giugno alle ore 18 nell’antica chiesetta del paese nei pressi di Piazza al Serchio si terrà la presentazione del saggio curato da Normanna Albertini edito dalla Garfagnana editrice. Parleranno del libro Umberto Bertolini, Normanna Albertini e Dino Magistrelli giornalista de La Nazione.
Le letture saranno curate dall’attrice Marina Coli. I saluti iniziali sono del sindaco di Piazza al Serchio Paolo Fantoni e del direttore editoriale della Garfagnana editrice Andrea Giannasi.
L’evento sarà occasione per unire la storia, l’arte e le tradizioni della Garfagnana ai suoi antichi e presenti sapori. Infatti la Condotta Garfagnana valle del Serchio festeggia nell’occasione il primo Slow Food Day unendosi ad altri 300 eventi in tutta Italia. E sarà proprio curata dal sodalizio locale, la degustazione finale con il responsabile della Condotta Alessio Pedri.
Pedri presenterà il pane di patate di Paolo Magazzini (presidio Slow Food) e la birra “La Petrognola” di Roberto Giannarelli.
L’evento è patronato dal Comune di Piazza al Serchio, dalla Garfagnana editrice, dalla Comunità Montana della Garfagnana, da Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio, con la partecipazione del Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano si terrà proprio sotto lo splendido trittico dipinto dal maestro di Talada nella metà del 1400.

Note stampa per l’evento:
http://www.garfagnanaeditrice.it
http://www.slowfood.it/18giugno

Pietro da Talada. Un pittore del 1400 in Garfagnana

E’ in uscita il primo libro della Garfagnana editrice. Si tratta di un saggio realizzato dalla studiosa Normanna Albertini dal titolo: “Pietro da Talada: un pittore del 1400 in Garfagnana”.
“La vita descritta nel libro è quella che si svolge fuori dalla scena abituale a cui ci hanno educato i saperi “alti”; è quella “oltre il palco”. È quella che fa rivivere l’Appennino com’era e invita a conoscerlo com’è: l’anonima, minuscola Borsigliana, per esempio, che nasconde l’incanto del trittico di Pietro, ma anche le vacche e le pecore di Talada oggi scomparse dal paesaggio.
Non un semplice testo sulle opere del Maestro di Borsigliana, dunque, ma uno studio particolareggiato su ciò che sta dietro, dentro e intorno a quelle opere.”
Garfagnana, alta valle del fiume Serchio. Borsigliana è, con la piccola villa di Vergnano il “Comune Burciliani”. Più su, Rocca Soraggio è, invece, una fortezza la cui chiesa sorge su una roccia dinanzi a Villa Soraggio. In basso, un torrente; tutt’intorno rupi, strapiombi, foreste. Il periodo è la prima metà del Quattrocento. Pietro è un pittore, dipinge madonne e viene dall’Emilia, dal minuscolo villaggio di Talada, che, con tutta la Garfagnana, fa parte del Ducato Estense. Siamo già in quella che Vasari chiamò “la seconda età” dell’arte, quella della Rinascenza, dopo la “prima età”, dove Giotto aveva ripreso l’immagine e lo spazio naturale. Eppure, Pietro prolunga quel passato nello stile “gotico internazionale”. Pietro dipinge tavole: di grandi dimensioni, col fondo oro. Vergini col Bambino in armoniosa immobilità; i corpi delineati da dolci linee e colori intensi. Dipinge in Garfagnana – verrà poi identificato col Maestro di Borsigliana, autore del grandioso trittico – ma anche a Stazzema, dove lascia una Madonna Assunta. Seguendo il suo percorso – grazie al spaiente lavoro di ricerca di Normanna Albertini – ne incontriamo le opere, ma entriamo anche nella vita degli artisti, nel mondo dei colori e dei loro significati. Nella storia viva dell’Appennino.
Addentrarsi in quel lontano tempo immobile significa recuperare uno spazio, anche mentale, dove i luoghi rinviano alle attività degli uomini, alle tradizioni, alle usanze, alle micro storie che sono poi i tasselli anonimi della grande storia.
“Pietro da Talada. Un pittore del Quattrocento in Garfagnana” deliena ogni aspetto legato al territorio e all’arte della pittura.
Per questo nel saggio sono presenti anche gli interventi di Mario Rocchi, Fratel Arturo Paoli, Andrea Giannasi, Umberto Bertolini, Perdario Galassi e Gianluca Farusi.
Questi affrontano la tradizione religiosa, la storia, le leggende popolari, la critica artistica e l’analisi tecnica scientifica delle tavole e dei trittici dipinti da Pietro da Talada.
Il libro è corredato da un inserto fotografico del trittico conservato nella chiesa di Borsigliana con immagini di Eugenio Casanovi e Antonella Bertolini.
PIETRO DA TALADA. UN PITTORE DEL QUATTROCENTO IN GARFAGNANA
di Normanna Albertini Garfagnana editrice (2011) pagg. 200 – euro 15,00

http://www.garfagnana-editrice.it
garfagnanaeditrice@yahoo.it

Nasce Garfagnana editrice

Tanti libri in Garfagnana con una nuova casa editrice

Nasce a Castelnuovo una nuova casa realtà editoriale: “Garfagnana editrice” legata alla storia, alla tradizione, alle virtù di un luogo.
Garfagnana editrice è identità di una valle intera. Perché l’identità è veramente l’unico valore reale che una comunità possiede. Valore scolpito, disegnato, intarsiato dalle generazioni precedenti, che hanno fatto della Garfagnana una terra unica. Un’isola di pietra e poggi, di lavoro e tenacia, di coraggio e caparbietà che deve tradursi in libri da spargere nel mondo come semi.
Garfagnana editrice intende raccogliere il testimone del tempo, conservando a memoria perenne le lettere, le parole, che più di ogni altre aiutano il mondo a riconoscere una terra buona da una cattiva.  In buona sostanza la nuova casa editrice vuole costruire in valle una “industria culturale” fatta di libri, eventi, workshop, festival e feste.
Giovanni Pascoli quando giunse nel 1895 si innamorò delle guglie irte e selvagge delle Alpi Apuane e dei morbidi profili degli Appennini. Osservò il Serchio, irruento e giocoso alla sua sorgente, placido e rigoglioso nel suo cammino verso il mare. E percorrendo la strada che lo portava a Castelvecchio disse: “qui c’è Bello e c’è Buono, ed è qui che voglio restare”.
Garfagnana editrice lavora sull’identità ed è riconoscibile per il carattere tipografico, per la carta, per le immagini di copertina, per la grafica, per l’eleganza delle sue edizioni.
Direttore editoriale è Andrea Giannasi e il sito internet è http://www.garfagnana-editrice.it
Garfagnana editrice è ogni cittadino della terra che si affaccia sul Serchio, solo modestamente mansueto, pronta a disegnare nel mondo un nuovo disegno letterario.
Garfagnana editrice
intende pubblicare tre o quattro titoli ogni anno, curando le edizioni nei minimi dettagli. I volumi saranno rilegati a filo, con carta avorio e un carattere tipografico espressamente dedicato.
Importante per noi sarà lavorare in Garfagnana ma anche e soprattutto portare i libri delle nostre collane fuori dalla valle per valorizzare il nostro lavoro. Questo percorso di diffusione sarà garantito da alcuni distributori nazionali e dalla partecipazione ad eventi letterari, Fiere dei libri e Festival letterari.
Il nostro primo obiettivo sarà partecipare al Salone Internazionale del libro di Torino che si terrà presso il Lingotto nel mese di maggio.
Durante questo evento lanceremo la casa editrice a livello nazionale.
Lo scopo è quello di portare la Garfagnana in decine di libreria dalla Sicilia alla Lombardia, facendo conoscere la nostra storia, la nostra cultura e la nostra tradizione.
Garfagnana editrice, nello stile e nel DNA dei garfagnini quindi sarà un casa editrice in movimento.
La casa editrice si rivolge agli amministratori, ai sindaci, agli enti, agli istituti scolastici, perché si riesca a costruire una sinergia di intenti che possa far unire la cultura letteraria alla cultura del territorio, perché una copia di un libro venduta a Milano o Palermo deve diventare un biglietto da visita per l’intera valle e la sua economia.


Garfagnana editrice ha tre collane:
VALLISNERIA
dedicata alla saggistica. Il titolo deriva da Antonio Vallisneri nato a Trassilico, scienziato e naturalista, ma soprattutto autore in italiano delle proprie opere. In suo onore, Linneo ha chiamato Vallisneria un genere di piante acquatiche appartenente alla famiglia delle Hydrocharitaceae.
MALEGUZZO
dedicata alla narrativa. Il titolo deriva dalla IV Satira di Ludovico Ariosto interamente composta in Garfagnana. “Maleguzzo cugin, che tacciuto abbia nonti maravigliar, ma maraviglia, abbi che morto io non sia ormai di rabbia”.
PERVINCA
dedicata alla poesia. Giovanni Pascoli scrisse questa poesia intitolandola Pervinca.

Info e note www.garfagnana-editrice.it
email: garfagnanaeditrice@yahoo.it

Navigazione articolo