Festivaletterature

I festival letterari italiani

Archivio per il tag “Carver”

Roberto Giacobbo, Beppino Englaro ed Emilio Gentile tra gli ospiti del Terracina Book Festival 2017

Roberto Giacobbo, Beppino Englaro ed Emilio Gentile tra gli ospiti del Terracina Book Festival 2017

Giunto alla sua ottava edizione il Terracina Book festival, organizzato da Innuendo editore, Tra le righe libri editore e Prospektiva, patrocinato dal Comune di Terracina, Città che Legge 2017, si apre nel centro storico venerdì 8 settembre alle ore 18 per poi proseguire fino a domenica 10. Tanti gli ospiti e i temi affrontati. Con Beppino Englaro sul palco Andrea Giannasi e Massimo Lerose dialogheranno sul fine vita e sui diritti civili ricordando Eluana Englaro. Con il famoso conduttore televisivo Roberto Giacobbo – autore della trasmissione Voyager in onda sulla Rai – invece il tema sarà quello del mistero raccontato attraverso il viaggio. Con lo storico Emilio Gentile, docente alla Sapienza di Roma in storia contemporanea, intervistato dal giornalista Cesare Rinaldi, invece l’argomento sarà il fascismo e il consenso, seguendo la lezione di Renzo De Felice. Domenica il TBF presenterà come ogni anno Poeti a duello la sfida a colpi di versi ideata da La Masnada in Calabria e portata in tour in Italia dal poeta Gianluca Pitari.

Questa edizione offrirà delle anteprime “Terracina LittleTown” a partire dalle 18,30 dedicate ai bambini.

Il Terracina Book Festival, che fa parte degli eventi delle Città del libro, è ideato da Massimo Lerose e Andrea Giannasi, che si svolge in Piazza Santa Domitilla nel centro storico di Terracina. Tra l’Appia antica, la Cattedrale, i resti delle antiche vestigia dell’impero romano si tiene il festival con contaminazioni letterarie, poetiche, cinematografiche e tanti scrittori.

Ogni giorno verrà aperto uno spazio bibliolibreria.

In dettaglio il programma del TBF 2017 prevede:

– Venerdì 8 settembreLittleTown Terracina, alle ore 18,30 con la lettura della favola “Mozart e lo Gnomo Saggio” di Simonetta Biserni.

Alle ore 19 Terracina poetica con Armando Citarelli e Andrea Sibilio.

Alle ore 20 la storica voce della Rai, Alberto Lori, presenta il suo ultimo libro “L’ombra della sera”.

Alle ore 21 sul palco Beppino Englaro.

– Sabato 9 settembre: alle ore 19 Terracina Narrante con Fabio Cervelloni autore di “Io sono l’Agenda” e Giuseppe Recchia autore di “Maledetti dalle fiamme”.

Alle ore 20 Incontro con lo storico Emilio Gentile.

Alle ore 21 sul palco Roberto Giacobbo.

– Domenica 10 settembre: alle ore 18,30 Lettura della favola “Il drago di Carta” di Simone Pozzati, illustrazioni di Valeria Cerilli e animazione attraverso il #teatrinoDelleMarionette di Alessandra Gradassi.

Alle ore 19 l’argomento sarà quello dell’universo femminile con Carmer Gasperotto e Marielena Porzio autrici di “Éco – S. Femminile plurale” e Merilia Ciconte autrice di “Dopo il buio. Storia di un amore malato”.

Alle 20 Mario Di Mario presenta “Terracina. Cronache di vita amministrativa vissuta. 1960-1990”.

Alle 21 Poeti a duello al termine del quale si terranno le premiazioni di “Si scrive Terracina”.

Il TBF fa parte della rete dei festival letterari. Dieci eventi in quattro regioni italiane tra Toscana, Puglia, Calabria e Lazio (www.prospektiva.it).

Festivaletteratura di Calabria Parole Erranti 2017

festival-letteratura-calabria-2017-2

Festivaletteratura di Calabria Parole Erranti 2017

La Masnada presenta anche quest’anno l’ormai storico appuntamento con il Festivaletteratura di Calabria Parole Erranti. Nato nel 2004, senza alcuna interruzione arriva alla sua quattordicesima edizione, vedendo transitare nel palcoscenico straordinario della piazza del Duomo di Cropani ospiti come Alessandro Haber, i Tetes de bois, Gianni Vattimo, David Riondino, Dario Vergassola, Pierpaolo Capovilla, Goffredo Fofi, Paolo Nori, Andrea Chimenti, Alessio Lega e Francesco Colella. In questi anni è stato messo in piedi dai Masnadieri un vero laboratorio artistico-letterario, facendo produzione e non limitandosi quindi ad essere contenitore: ricordiamo l’esplosione del cantautore Carmine Torchia oggi fra i più quotati, i suoi ultimi album entrambi finalisti al Premio Tenco, i libri di poesia di Gianluca Pitari, Angelo Tolomeo e Matteo Mazza, il romanzo di Vincenzo Montisano. Come se non bastasse La Masnada annovera fin dall’inizio un editore straordinario, Andrea Giannasi, presente fin dal primo festival, determinante per la crescita culturale e lo sviluppo del progetto artistico e inoltre la forza della Libreria Ubik, promotrice del dibattito letterario del capoluogo.

Quest’anno due tappe pre-festival hanno fatto vivere agli spettatori il talento del poeta Daniel Cundari e il racconto del bellissimo libro di Antonio Ludovico “La porta socchiusa”.

Questo invece il programma del Festival targato 2017:

Sabato 29 Luglio ore 22:

Domenico Dara presenta Appunti di Meccanica Celeste. A discuterne con lui Andrea Giannasi. Selezionato per il Premio Strega col suo ultimo libro, caso letterario con il Breve Trattato sulle coincidenze, lo scrittore di Girifalco è senza dubbio uno dei protagonisti principali della narrativa italiana contemporanea.

Domenica 30 Luglio ore 22:

Emidio Clementi e Corrado Nuccini in [Quattro quartetti] una reinterpretazione della omonima opera letteraria di T. S. Eliot. Dopo l’esperienza de ​’​La ragione delle mani​’​ e il lungo tour di ​’​Notturno Americano​’, torna l’accoppiata Emilio Clementi (Massimo Volume) e Corrado Nuccini (Giardini di Miro’) per proporre un viaggio letterario attraverso le parole di Thomas S. Eliot e i suoi Quattro Quartetti.

Thomas S. Eliot è stato un drammaturgo, critico letterario e può essere annoverato tra i più influenti poeti in lingua inglese del XX secolo. Premiato nel 1948 con il Nobel per la letteratura, è stato autore di diversi poemi, alcuni dei quali destinati al teatro, tra i quali Il canto d’amore di J. Alfred Prufrock (1917), La terra desolata (1922), Mercoledì delle ceneri (1930), Assassinio nella cattedrale (1935), Quattro quartetti (1945).

Emidio Clementi, scrittore e musicista, è voce e bassista dei Massimo Volume e Sorge dove suona il piano. Oltre alla musica è autore di diversi romanzi e raccolte di racconti, l’ultimo è la raccolta di Racconti “La ragione delle mani” (2012)

Corrado Nuccini è fondatore, chittarra e voce dei Giardini di Miro’, band reggiana giunta al quinto album ufficiale. L’ultimo Rapsodia Satanica (Santeria) è del 2014.

Lunedì 31 Luglio ore 22

Diego Fusaro presenta Pensare Altrimenti. A discuterne con lui Nunzio Belcaro. Torna a Catanzaro il giovane filosofo protagonista di tanti accesi confronti politici e culturali nelle principali trasmissioni televisive di approfondimento. Il suo ultimo libro edito da Einaudi pone lo sguardo del pensiero di Fusaro su “l’ordine dominante” contemporaneo che non reprime più il dissenso come avveniva nei secoli scorsi, ma opera affinché esso non si costituisca. Fa in modo che il pluralismo del villaggio globale si risolva in un monologo di massa. Perciò dissentire significa opporsi al consenso imperante, per ridare vita alla possibilità di pensare ed essere altrimenti.

Tre importantissime serate che racconteranno la storia di una certezza per la nostra regione, ovvero la presenza de La Masnada e ancor di più la racconteranno a Cropani, cittadina bisognosa come non mai di punti di riferimento forti per costruire il suo futuro, raccogliendosi intorno alla realtà di cui andare più fiera, quella che le ha permesso di essere una delle “Città del Libro” italiane.

Il bando del Contropremio Carver 2017

contropremio-carver

Da quindici anni il Contropremio Carver scova bei libri e grandi autori. Ecco il bando del 2017 e il perchè si chiama così il Contropremio Carver.
Perchè questo premio parrebbe dedicato a Raymond Carver, lo scrittore americano autore anche di “Cattedrale” quel racconto, che ricorderete bene, parlava di un salotto e un invito e di un cieco e di un ricordo. In realtà non è vero. Il premio non è dedicato a Raymond Carver lo scrittore americano autore anche di “Cattedrale”.
Il premio quindi si chiama Carver; e basta. E la dicitura corretta è Carver, due punti, contropremio letterario. La storia del perché sia un contropremio se siete arrivati qui già la conoscete.
E allora direte cosa c’entra Carver? Inteso ovviamente come lo scrittore americano Raymond Carver.
Tutto e nulla, perché questo contropremio è dedicato alla velocità della catena che scorre sulla dentatura dei cambi delle biciclette. Carver sono appunto tra le più belle biciclette del mondo. E le fanno nel Maine, negli Stati Uniti, proprio dove Carver, l’altro che scriveva, faceva bello sfoggio di narrativa e raccontistica.
Ecco unendo tutto questo con del grasso da officina ciclistica potremmo farne un premio, ci siamo detti, e così è nato, il Contropremio Carver, che sembra proprio la contropedalata olandese.
Perché come sanno in pochi nei Paesi Bassi le biciclette non hanno i freni, ma ci si ferma con un colpo di contropedale.
Bene a sapersi, direte, e qui sta tutto.
 

Premio Carver: la lista dei libri prefinalisti

contropremio-carver

Contropremio Carver: la lista dei libri prefinalisti

La regola è sempre la stessa: vengono premiati i libri migliori non i nomi degli autori o i loghi delle case editrici. Il Contropremio Carver non premia neppure nomi famosi e altisonanti (meglio se sono televisivi) per cercare di vivere di luce riflessa. Qui si legge e si giudicano le storie, le poesie i saggi. Punto.
Andiamo oltre. Dopo una prima lettura, molto faticosa e lenta, la giuria ha compilato una lista di libri prefinalisti. Da questa usciranno, entro pochissimi giorni, i libri che comporranno le cinquine.
Cinque libri di narrativa, cinque libri di poesia e cinque libri di saggistica.
La premiazione sarà domenica 19 ottobre alle ore 17 presso la sala della Biblioteca a Civitavecchia nell’ambito del festival letterario “Un mare di lettere”.
Ma veniamo ai libri:

SAGGISTICA
1 – Francesco Ciotti “Conversazione sulla famiglia” –  Aracne editrice
2 – Elisabetta Alligo “Antiche credenze popolari siciliane” – Autore Libri Firenze
3 – Francesco Felis “E’ ora che qualcuno venga ad aiutarci” –  I libri di EMIL
4 – Pietro Ratto “Le pagine strappate” – Elmi’s World
5 – Valentina Polcini “Oltre la fantascienza” – Aracne editrice
6 – Giuseppe Cugno “Scenari metereologici ambientali mediterranei” – Dario Flaccovio editore
7 – Carlo Testana “Il piacere quotidiano del disegnare” – Aracne editrice

POESIA
1 – Anna Maria Liberatore “Afferra la vita”- Homo scrivens
2 – Calogero Restivo “Poesie di volti e memorie” – Prova d’autore
3 – Carla De Angelis “I giorni e le strade” – FaraEditore
4 – Emma Pretti “Un guaio che non è stato preso in esame” – Società editrice fiorentina
5 – Anna Belozorovitch “Qualcosa mi attende” – LietoColle

NARRATIVA
1 – Martino De Vita “Una coscienza inesistente”, Kimerik
2 – Massimo Felice Nisticò “Sono finite le stelle cadenti” , Rubbettino
3 – Riccardo Imperiali di Francavilla “Dici tu… titolo provvisorio”, Tullio pironti editore
4 – Claudio Ansanelli “Prima le cameriere e poi le vongole”, Homo scrivens
5 – Alice Malerba “La meccanica dei ruoli”, CartaCanta editore
6 – Gruppo Nove “Party per non tornare”, Homo Scrivens
7 – Emiliano Ereddia “Per me scomparso è il mondo”, Corrimano edizioni
8 – Arnolfo Petri “Camurrìa”, Homo Scrivens
9 – Maria Luisa Pozzi “Ciao vi dirò che la storia siamo noi”, Edizioni Memori
10 – Rosi Polimeni “Le strade del mare”, Edizioni Memori
11- Antonio Gentile “I cavalli delle giostre”, Edizioni Anordest
12 – Rossella Montefusco “La fiaba infinita, le avventure di Pulcinella, Arlecchino e Camicia straccia”, La Caravella editrice.

Tra pochi giorni saranno resi noti i libri che comporranno le cinquine dei finalisti.

http://premiocarver.wordpress.com/

Premiati i libri del Contropremio Carver 2013

 

Assegnato domenica 20 ottobre il Contropremio Carver 2013 nell’ambito del festival del libro “Un mare di lettere” organizzato da Prospektiva. Il Carver che premia i libri e non i nomi degli autori o i marchi editoriali sta lentamente ricostruendo il vero volto di un concorso letterario, smontando pezzo dopo pezzo le vecchie e ormai desuete forme, ad uso ormai esclusivamente commerciale e non culturale. Tra queste regole quella di dover ad ogni costa premiare un solo libro; se i libri buoni sono più di uno è giusto assegnare più di un premio.
Ma non solo. Il Contropremio Carver si rivolge sempre più contro se stesso, mettendosi ogni giorno in discussione, per porre in campo sfide al fine di parlare di nuovi libri, nuovi autori e nuove case editrici. Tanti ambiti culturali differenti che vanno in ogni caso affrontati perché il Carver è uno dei pochi contenitori che non si lascia condizionare o far tirare le maniche da suggeritori più legati al commerciale che alle redazioni culturali.
Pertanto Contropremio Carver come elemento positivo e non certo “contro” qualcosa o contro qualcuno.
E cosa emerge dopo questa maturazione ideale? Che i libri premiati sono stati letti, giudicati, amati, odiati e alla fine – dopo tanto discutere e litigare – emergono piccoli capolavori. A Questo punto vediamo chi ha vinto il Carver 2013 come ogni anno guidato da Andrea Giannasi.

Per la narrativa assegnato il primo posto a “E qualcosa rimane” di Nicoletta Bortolotti (Sperling & Kupfer) e a “La cura dell’attesa” di Maria Pia Romano (Lupo editore).

Per la sezione poesia si sono aggiudicati la targa “Merimia” di Gaia Gentile (Infinito edizioni) e “L’istante violento”  di Ivanoe Privitera  (Giovane Holden edizioni).

Nella sezione saggistica primo premio a “Apocalypse now? Clima, ambiente, cataclismi possiamo salvare il mondo. Ora” di Luca Lombroso (Edizioni Artestampa) e “Votare per chi, votare perché” di Rita Dietrich (IBUC).

Premi  speciali per la ricerca narrativa lo stile e l’ambiente utilizzato (l’epistolario) a “Social Zoo” di Aldo Putignano (Homo scrivens edizioni) e per aver riproposto le filastrocche a “La dea che inventò la sera” di Renzo Piccoli (Armando bimbi).

Premiati con la finale anche i seguenti libri. Per la narrativa: “Mea culpa” di Alice Malerba (Cartacanta); “Latte acido” di Rossella Luongo (edizioni della sera); “Inverno inferno” di Riccardo Battaglia (Foschi).
Per la poesia: “La libertà secondo Ferruccio Maracas” di Massimiliano Pegorini (Tapirumé); “Spine” di Cristina De Lauretis (Portaparole); “Quando ero piccola mi innamoravo di tutti correvo dietro ai gatti” di Cecilia De Angelis (Senso inverso); “Così nuda” di Barbara Serdakowski (Ensemble).
Per la saggistica: “Identità femminile e conflittualità nella relazione madre-figlia” di Carla Carotenuto (Metauro); “Alberto Moravia. Il profeta indifferente” di Maria Grazia Di Mario (Onyx); “Solitudine. Il bambino smarrito” di Barbara Fabbroni (Edizioni Universitarie romane); “Sismografie. Ritornare a L’Aquila mille giorni dopo il sisma” (Effigi) a cura di Fabio Carnelli, Orlando Paris, Francesco Tommasi.

E ora inizia il lavoro di promozione con interviste agli autori, presentazioni, incontri, recensioni e quant’altro utile a parlare di questi libri.

Contropremio Carver 2013

contropremio-carver

11° PREMIO CARVER  2013
PER OPERE EDITE

Art 1 – Il Premio Letterario Nazionale Carver è nato come contropremio che supera il mercato dei premi sostenuti dall’editoria elitaria, al fine di promuovere libri di autori italiani. Già definito dalla critica come il Premio Strega o Campiello dei nuovi scrittori, trova pieno appoggio tra i maggiori operatori del settore. Il Premio Carver si differenzia dai premi tradizionali perché vengono semplicemente premiati i libri a prescindere dal nome dell’autore o dalla casa editrice che ha pubblicato il libro.

Art 2 – Sono ammessi all’esame della giuria lavori editi (quindi pubblicati da una casa editrice) in lingua italiana a tema libero e con numerazione ISBN. Non sono posti limiti di tempo nella pubblicazione.

Art 3 – Al Premio possono partecipare saggisti, scrittori e poeti di tutte le nazionalità e senza limite di età, inviando nei termini stabiliti dal presente regolamento le opere di cui agli articoli successivi.

Art 4 – Il Premio Letterario si articola in tre sezioni: Saggistica, Narrativa e Poesia.

Art 5 – Ogni libro partecipante dovrà pervenire in 3 copie, con allegata nota con indirizzo, numero telefonico e firma dell’autore alla segreteria organizzativa del Premio Carver Prospettiva via Terme di Traiano, 25 – 00053 Civitavecchia (Roma).

Art 6 – Le opere dovranno pervenire alla segreteria del Premio entro il 30 Giugno 2013 (farà fede il timbro postale).

Art 7 – La quota di iscrizione è fissata in 20,00 euro per sezione da versare sul conto corrente postale numero 97638845 intestato a Prospettiva Editrice.

Art 8 – Consistenza del premio
1 – Pubblicazione di un libro in formato ebook per i tre vincitori delle sezioni narrativa, saggistica e poesia con Abel Books.net
2 – Promozione a livello nazionale dei libri giunti nelle cinquine dei finalisti. Ogni autore riceverà poi nota stampa di invio fax.
3 – I libri dei vincitori della sezione narrativa, saggistica e poesia verranno presentati in un evento che si svolgerà nell’ambito di un Festival letterario.
4 – Acquisto di pubblicità su Il Giornale letterario.
5 – Promozione dei tre libri vincitori sul sito della rivista letteraria Prospektiva con pubblicazione della copertina e del link ad una libreria virtuale per l’acquisto..
6 – I cinque finalisti delle sezioni narrativa, saggistica e poesia riceveranno attestati di merito e libri.

Art 9 – Il giudizio della Giuria è insindacabile. La Giuria è presieduta ogni anno da operatori del settore letterario ed è presieduta dal Dr. Andrea Giannasi.

Art 10 – La partecipazione al Premio Letterario Nazionale CARVER implica l’accettazione incondizionata del presente regolamento.

Art. 11 – Al premio non possono partecipare i libri editi da Prospettiva editrice alla quale è affidata la segreteria organizzativa.

Contropremio Carver
Prospektiva Rivista Letteraria
Via Terme di Traiano, 25
00053 Civitavecchia (Roma)

Per ulteriori informazioni
redazione@prospektiva.it

Contropremio Carver 2012

Premio Carver 2012
Le cinquine dei finalisti

Sono state rese note le cinquine dei libri che sono arrivati all’ultima selezione.
I libri verranno premiati domenica 7 ottobre alle ore 17 nell’ambito del festival del libro di Civitavecchia presso il Forte Michelangelo (porto antico).
La giuria presieduta da Andrea Giannasi ha segnalato i seguenti finalisti suddivisi per sezione:

Narrativa
“Il lato oscuro” di Alessandra Camanini De Paoli (Edizioni Clandestine)
“Il mistero della loggia perduta” di Matteo Bortolotti (Felici editore)
“Bad news” di Davide Bacchilega (Giulio Perrone editore)
“Un orso sbrana Baricco” di Carlo Martinelli (Curcu & Genovese)
“La maschera” di Emanuele Gagliardi (RaiEri)

Poesia
“Il bianco delle vele” di Franco Casadei (Raffaelli Editore)
“Indizi… forse” di Gianfranco Isetta (Puntoacapo editrice)
“Fenomenologie seriali” di Caterina Davinio (Campanotto editore)
“Scuola” di Giuseppe Cappello (Aletti editore)
“Ali nel cielo. Pensieri e preghiere per realizzare la Via del Cuore” di Anna Capurso (Leggere per cambiare edizioni)

Saggistica
“Più calcio, più memoria” di Lucio Schiuma e Franco Ascani (edizioni Libreria Croce)
“La bioenergetica” di Salvatore Leone (E.N.D.O. Edizioni)
“L’innocenza ricercata. Viaggio nelle canzoni di Fabrizio De Andrè” di Stefano Galazzo (Medea edizioni)
“Il medioevo in giallo nella narrativa di Ellis Peters” di Chiara Albertini (Casa editrice Kimerik)
“L’interpretazione dello scarabocchio” di Pietro Spadafina (Bastogi)

Info e note: http://www.prospektiva.it/carver.htm

Premio Carver 2010: il presidente di giuria Andrea Giannasi rende noti i finalisti

Premio Carver 2010. Il contropremio che premia i libri e non i nomi degli autori o delle case editrici

La giuria del Carver, contropremio dell’editoria italiana, presieduta da Andrea Giannasi rende note le cinquine dei libri finalisti all’edizione 2010.
Presente da otto anni sul panorama letterario italiano il Carver non premia gli editori o i nomi degli autori, ma soltanto i libri. Le storie raccontate, sigillate dalla scelta poetica o scandagliate dalla forma saggistica.
Questa edizione ha visto la partecipazione record di 500 titoli – suddivisi nelle tre sezioni, poesia, narrativa e saggistica – e dunque è stata difficile la gestione e la lettura delle opere. Rispetto agli anni precedenti si registra un aumento della qualità dei libri partecipanti, in particolar modo per la narrativa che comunque sta subendo ancora forte l’influsso del genere poliziesco.

La giuria, suddivisa in tre gruppi (uno per ciascuna sezione) ha affrontato le letture cercando di trovare elementi innovativi sia nello stile, sia nella storia narrata. E così buone sensazioni sono emerse dai libri di poesia, dove finalmente tornano in auge gli elementi sociali.
Per la saggistica hanno prevalso alla fine le ricerche specifiche, rispetto ai grandi temi della storia, senza dimenticare di scandagliare però alcuni aspetti contemporanei sempre in primo piano e all’attenzione dei grandi lettori.

Così dopo attenta lettura dei giurati – rigorosamente celati per evitare “tirate di maniche” – domenica 26 settembre a Civitavecchia presso la sala “Molinari” nella Cittadella della Musica alle ore 17, si conosceranno il libri vincitore di ogni sezione in gara: saggistica, narrativa e poesia.
Per l’edizione 2010 le cinquine sono così composte.

Per la saggistica:
Montelepre, il dopoguerra e i misteri di Giuliano di Salvatore Badalamenti (La Zisa)
Ma ci fu pietà. La banda della Magliana dal 1977 a oggi di Angela Camuso (Editori Riuniti)
Universi quasi paralleli. Dalla fantascienza alla guerriglia mediatica di Antonio Caronia (Cut-Up)
Teoria e pratica dell’omicidio seriale di Giuseppe Magnarapa e Daniela Pappa (Armando)
Con foglio di via. Storie di internamento in alta Valmarecchia 1940-1944 di Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni (Società il Ponte Vecchio)

Per la poesia:
Salutami il mare di Carla De Angelis (Fara)
La spugna di Lella de Marchi (Raffaelli)
A che titolo di Brunella Bruschi (Morlacchi)
Situazione temporanea di Marco Saya (Puntoacapo)
Frammenti di un respiro passeggero di Salvatore Scuderi (Kimerik)

Per la narrativa:
Gente normale di Valentina Capecci (Marsilio)
Con l’insistenza di un richiamo di Francesco Randazzo (Lupo)
Storie liquide di Gianluca Pirozzi (Croce)
Il borgo d’oltremare di Francesco Amato (Mursia)
Johnny nuovo. Il ragazzo che non conosceva il mondo di Mauro Evangelisti (CartaCanta)

Info e note http://www.prospektiva.it/carver.htm
redazione@prospektiva.it

Navigazione articolo