Festivaletterature

I festival letterari italiani

Archivi per il mese di “luglio, 2011”

Il festival del libro Leggere Gustando in Garfagnana aperto da Vincenzo Pardini

Sarà Vincenzo Pardini lo scrittore che inaugurerà il Leggere Gustando 2011. Intervistato da Andrea Giannasi sotto la Rocca Ariostesca, Pardini presenterà in anteprima nazionale il suo nuovo libro “Il viaggio dell’orsa” (Fandango).

Il viaggio dell’orsa si svolge nel tempo in cui gli abitanti dell’alta Garfagnana, in cambio di pascoli, dovevano fornire, ogni anno a Natale, un orso o un porco al duca di Ferrara, che lo chiudeva nei sotterranei del castello allo scopo di farlo crescere e ingrassare, per poi macellarlo. Incatenato, l’orso doveva scendere insieme agli uomini fino a Modena. Da qui, su un’imbarcazione, avrebbe raggiunto Ferrara. Tutto fila liscio, finché non viene catturato il cucciolo di una vecchia ed enorme orsa.

Ne La picciona etrusca un aruspice, dall’Umbria, si trasferisce in Garfagnana con l’ausilio di due mule. Un viaggio avventuroso, tra briganti e soldati allo sbando. Il protagonista de Il fratello del lupo è Ludovico Ariosto, durante il suo soggiorno in Garfagnana come governatore di quella terra. Serague è una vecchia mula che stringe amicizia col pappagallo del narratore, il quale gli trasmette ciò che lei le racconta, tra peregrinazioni, sofferenze e veduta di strani paesaggi notturni.
Una viaggiatrice dei nostri tempi, tanto che traversa tratti di deserto medio orientale, con guerre in corso. La sfida e la pantera, infine, è vicenda dei nostri giorni che ha per protagonisti un grosso Pastore maremmano che proviene dall’Aquila e una pantera, forse la stessa che, per molti anni, si aggirò tra le campagne e la periferia di Roma.
Vincenzo Pardini scrive cinque racconti memorabili che lo confermano un maestro degno di Guy de Maupassant, come scrisse Natalia Ginzburg. Un indagatore e narratore,
tra campagna e mondo animale, fedele alla tradizione novellistica italiana.
Vincenzo Pardini è nato nel 1950 in un paese della Media Val di Serchio e vive oggi a Stabbiano, vicino Lucca. Collabora ai quotidiani “La Nazione” e “Il Giornale”, al supplemento “Tuttolibri” de “La Stampa” e alle riviste “Nuovi Argomenti” e “Paragone”.
Ha pubblicato numerosi racconti e romanzi: La volpe bianca (La Pilota, 1981), Il falco d’oro (Mondadori, 1983), Il racconto della luna (Mondadori, 1987), Jodo Cartamigli (Mondadori, 1989), La mappa delle asce (Theoria, 1990), La congiura delle ombre (Theoria, 1991), un testo per ragazzi, Giovale (Bompiani, 1993), Rasoio di guerra (Giunti, 1995), Pumillo il gatto dei boschi (Laterza, 1999), La terza scimmia (Quiritta, 2001), Lettera a Dio (peQuod, 2004), Tra uomini e lupi (peQuod 2005, Premio Viareggio-Répaci) e Il falco d’oro (peQuod 2006). Il suo ultimo libro è Banda randagia (Fandango, 2010).

Al “Leggere Gustando” il Candido di Giovannino Guareschi

Il festival del libro della Garfagnana “Leggere Gustando”, diretto da Andrea Giannasi e organizzato da Prospettiva editrice e Garfagnana editrice, ricorda Giovannino Guareschi con una mostra di copie originali del “Candido” la nota rivista diretta dal giornalista romagnolo. L’evento che aprirà i battenti giovedì 21 luglio si terrà all’ombra dell’antica Rocca Ariostesca.
Dopo la guerra Guareschi, che era stato imprigionato in un campo tedesco, fece ritorno in Italia e fondò la rivista indipendente con simpatie monarchiche. Era un settimanale e usciva il sabato presentando molte vignette di feroce ironia. Nella rivista, insieme ad altre famose penne della satira italiana, lo stesso Guareschi seguiva numerose rubriche tra cui quella a firma “Il Forbiciastro”, che spigolava nella cronaca spicciola italiana.
Guareschi era rimasto un irriducibile monarchico e non lo nascondeva.
Non perse occasione per denunciare le truffe consumate ai danni della monarchia italiana. In occasione del referendum istituzionale del 2 giugno 1946 sostenne apertamente la monarchia e denunciò i brogli che avevano ribaltato l’esito del voto popolare.
Insieme alle copie del 1948 verranno esposte anche i fumetti del disegnatore Nazareno Giusti. Si tratta di un progetto, composto da oltre 200 tavole che prende in esame tutta la vita di Guareschi.
Il libro uscirà probabilmente in autunno stampato dalla casa editrice Hazard Edizioni di Milano con il titolo “Non muoio neanche se mi ammazzano. Vita di Giovannino Guareschi”
“Nazareno Giusti – scrivono Alberto e Carlotta Guareschi – ci racconta, come fosse una bellissima favola a fumetti, la storia di Giovannino Guareschi, nostro padre. Una di quelle «storie buffe e malinconiche che», scrive nostro padre, il fiume «placido e indifferente» raccoglie e «porta via verso il gran mare della storia del mondo». Siamo entusiasti per le illustrazioni, per la tecnica e per la scelta dei testi inseriti nelle tavole e nei baloon che rivelano una notevole sensibilità e un grande dono di sintesi, specie nei “capitoli” dei due “internamenti” e della sua scomparsa. Una storia che sembra veramente una favola, illustrata con colori surreali che donano profonde emozioni e trasformano la realtà in leggenda alla fine della quale si è dispiaciuti perché il fumetto è finito.”

Leggere Gustando” è seguito da Il Giornale di Castelnuovo.
Info e note al sito: www.ilgiornaledicastelnuovo.it

Paolo Guzzanti intervistato da Andrea Giannasi al Tra le righe di Barga

Paolo Guzzanti a Barga il 14 luglio inaugurerà il “Tra le righe”

Sarà Paolo Guzzanti ad inaugurare il festival del libro di Barga 2011. “Il tra le righe di Barga” giunto alla sua quinta edizione, organizzato da Andrea Giannasi e Maurizio Poli, con il patrocinio del Comune di Barga e l’ausilio della Prospettivaeditrice e Libreria Poli, con la collaborazione del Giornale di Barga e della Garfagnana editrice, aprirà i battenti nel centro storico giovedì 14 alle 21. L’evento che si chiuderà domenica 17 e vedrà salire sul palco in palazzo Pancrazi (la sede comunale) molti autori con temi scottanti.
Si inizia giovedì 14 alle 21,15 con il libro “Mignottocrazia” di Paolo Guzzanti.
Una visione e uno spaccato dell’Italia contemporanea vista da una delle nostre penne più sagaci. Un’avvertenza: questo è un libro feroce. Che non risparmia niente a nessuno. Ma niente affatto cinico. Comincia con una scena d’amore. Ma è l’amore di un padre per una figlia, una figlia appena nata che il padre tiene delicatamente fra le braccia e alla quale promette un mondo nuovo e diverso. Poi la storia è andata in un altro modo, in un’altra direzione.
Intervista di Andrea Giannasi e Maurizio Poli.
Venerdì 15 luglio alle 21 sarà la volta dell’incontro dal tema “Libri tra Apuane e Appennini” con Federico Pagliai autore di “Rughe in salita” con prefazione di Mauro Corona e con i giallisti Beppe Calabretta e Rossana Giorgi Consorti autrice del libro “Pietre dure a colazione”.
Sabato 16 luglio sarà la volta dell’autore della Rizzoli Aurelio Picca con il suo romanzo “Se la fortuna è nostra”. La vita, la morte, l’eredità, la roba. Le regole del sangue. Un mondo posseduto da riti primitivi e passioni inestinguibili, un mondo di uomini dolci come il miele e feroci come animali, attaccati con pelle e unghie alla terra. Questo mondo e la sua epopea di donne devote, di gente che si toglieva il pane di bocca per amore della roba, rivive nelle pagine del romanzo che il nonno Aurelio, uomo di fede repubblicana e mangiapreti, incitava l’autore a scrivere, e che è intitolato alla fortuna. Nella fortuna il vecchio aveva sperato per ricostituire il patrimonio che il capostipite, nonno Arcangelo, aveva dilapidato, tra amori e odi, grandezze e miserie.
Infine domenica si chiude con il dramma e l’incubo dei voli aerei grazie all’inchiesta della giornalista Nadia Francalacci. “Paura di volare” è un libro tra indagini e testimonianze segrete di chi ci imbroglia.  
Allacciate bene la cintura di sicurezza. E poi leggete. Se l’aereo è il mezzo di trasporto più affidabile, la sicurezza è a dir poco un optional in molti casi. Comandanti che pilotano con brevetti comprati, pezzi di ricambio taroccati e “riciclati” in spregio delle più elementari regole di sicurezza, magari vecchi di decenni e racconciati alla meno peggio, equipaggi costretti a turni massacranti con orari falsificati, controlli sordi, ciechi e muti. Questo e molto altro sulla nostra “voglia di volare”.

Info e note: www.prospektiva.it/festivaletterari.htm

Leggere Gustando: festival letterario in Garfagnana

 

Dopo l’ottimo successo ottenuto nel 2010 torna dal 21 al 24 luglio a Castelnuovo di fronte alla Rocca Ariostesca una nuova edizione del “Leggere Gustando” l’evento enogastroletterario che unisce libri, prodotti tipici locali, storia e cultura della Garfagnana.

Ogni sera dalle 20,30 si parlerà di libri con degustazioni di prodotti tipici della valle con scrittori, giornalisti e nuovi autori.

Inoltre saranno allestite anche una esposizione di macchine da scrivere che racconteranno la storia della scrittura meccanica (dalle antiche Torpedo alle innovative macchine elettriche) e una mostra di copie del 1948 de “Il Candido” il famosissimo settimanale di satira politica diretto da Giovanni Guareschi.

Si inizia giovedì 21 luglio con Garfagnana editrice racconta. Incontro letterario con Roberto Andreuccetti autore del romanzo “Castello 1908”. Un viaggio nella vita contadina di 100 anni fa.

A seguire si terrà l’incontro moderato da Andrea Giannasi con Vincenzo Pardini (Fandango), con letture di testi di Piero Nannini dal titolo Lupi e briganti: Ludovico Ariosto e la sua Garfagnana.
Durante la serata si svolgerà I Tipici Atipici: Spazio degustazione di Antica Pasticceria Fronte della Rocca.

Venerdì 22 luglio per l’anteprima Garfagnana editrice racconta, incontro letterario con Adolfo Da Prato autore del libro “Un amore grande”, un viaggio tra poesia e paesaggi della Alpi Apuane.

A seguire Tutto quello che avresti voluto sapere ma che nessuno ti ha mai raccontato.
Incontro con Alvaro Ranzoni (giornalista e collaboratore della BBC di Londra, inviato speciale di Panorama e reporter di guerra da vari fronti). Intervista di Andrea Giannasi.

Durante l’incontro letterario “Spazio degustazione”. La serata sarà interamente dedicata ai prodotti di Coop con il direttore Giovanni Rombolini.

Sabato 23 luglio si terrà lo spettacolo di letture e musiche dal titolo  Pietro da Talada: un pittore del Quattrocento in Garfagnana.
Incontro con Normanna Albertini, Umberto Bertolini, Dino Magistrelli sulla storia e le leggende legate al nome del pittore autore del Trittico di Borsigliana. Letture e canti dell’attrice Marina Coli.

Durante la serata si svolgerà “I Tipici Atipici” Spazio degustazione di Antica Pasticceria Fronte della Rocca.

Infine domenica 24 luglio per  Garfagnana editrice racconta, incontro letterario con Manuela Domenicali autrice  di “Una storia d’amicizia”. Un lungo racconto alla ricerca della sincerità e dell’amicizia.

E alle ore 21,00  Sono più matti gli scrittori o i lettori? Incontro con il drammaturgo Claudio Beghelli e lo psichiatra Roberto Infrasca. Modera Andrea Giannasi.

Durante l’incontro letterario “Spazio degustazione”. Alcuni produttori della Garfagnana presenteranno e faranno degustare al pubblico formaggi, latticini, salumi, mieli, vini e birre del territorio. A cura di Garfagnana Orgolosa.

Il Leggere Gustando organizzato da Il Giornale di Castelnuovo, da Prospettiva editrice, da Garfagnana editrice, da Prospektiva rivista letteraria e patrocinato dal Comune di Castelnuovo di Garfagnana, dalla Comunità Montana della Garfagnana, dal Gal Garfagnana, è inserito nel programma di Ponti nel tempo, con il concorso di InGarfagnana, di Compriamo a Castelnuovo, e la partecipazione di Coop Tirreno, Antica Pasticceria Fronte della Rocca e Garfagnana Orgolosa.

“Leggere Gustando” è inserito nel circuito letterario Nazionale che già comprende altre regioni quali la Toscana (Comune di Barga – Lucca), il Lazio (Civitavecchia-Roma e Terracina-Latina), Puglia (Novoli-Lecce) e la Calabria (Cropani Marina – Catanzaro).

(www.prospektiva.it/festivaletterari.htm)

Navigazione articolo